top of page

Il Signore dei Cartoon

L'artista autodidatta che ha fatto della sua passione un lavoro di successo


Nel 1981, IBM lancia il suo primo PC, George Lucas crea Indiana Jones e lo manda sul grande schermo, la televisione vede nascere quest'anno il legame con la musica in video. In America escono le trasmissioni di MTV mentre nel campionato italiano di calcio compaiono per la prima volta gli sponsor sulle magliette.



Nello stesso anno in Giordania nasce un ragazzo che da lì a qualche anno si sarebbe innamorato di quel campionato , in quegli anni il più bello del mondo, e forse proprio grazie alle emozioni provate, Omar Momani oggi è diventato uno dei fumettisti sportivi più bravi del panorama mondiale.


Appassionato di calcio , dai tempi del campionato del Mondo a Italia 90, del Milan di Gullit e Van Basten, Omar Momani, è riuscito a trasformare questa passione in lavoro, creando fumetti , che giorno dopo giorno, hanno fatto il giro del mondo, arrivando a collaborare con aziende importanti come "Goal", che gli hanno permesso una visibilità Internazionale.


Ula Bianca: Quando hai iniziato la tua carriera di fumettista?

Omar Momani: Nel 1996 mio padre fondò un settimanale e mi chiese di disegnare per lui vignette politiche. Allora avevo 15 anni e disegnai solo una vignetta prima che la rivista andasse in bancarotta.


Durante il periodo universitario una rivista mi assunse per disegnare dei cartoni animati divertenti.


Ma posso dire che il vero inizio è stato dopo la laurea, quando sono andato a lavorare come fumettista e animatore per uno studio di animazione locale.


Nel 2010 ho deciso di disegnare sul calcio ed è quello che ha attratto Goal.com, e da allora lavoriamo insieme.


UB: Come ti sei imbattuto in questa tecnica?

OM: Sono influenzato da molti artisti che posso nominare: Ulbert Uderzo, Morris, Hanna Barbera, la rivista MAD, cartoni animati classici americani, Genndy Tartakovsky e molti altri.


UB: Le tue origini, la tua storia, chi è Omar Momani?

OM: Sono nato ad Amman nel 1981, sono giordano, mio ​​padre era un ginecologo e mia madre è un'insegnante di inglese. Sono sposato con un ingegnere e ho una figlia e ne aspetto un'altra a giugno. Ho studiato Informatica all'Università. Noioso? ahah


UB: Hai scelto di raccontare il calcio attraverso i tuoi fumetti? Che legame hai con questo sport?

OM: Sono un tifoso di calcio da Italia 90. E nel 2010 ho deciso di disegnare le mie vignette personali, visto che c'erano i Mondiali del 2010 ho fatto delle vignette a riguardo, e i miei amici mi hanno chiesto di continuare a farlo.


UB: Quando inizi un progetto cosa cerchi di catturare nel tuo soggetto?

OM: Le emozioni, se inizia a ridere o piangere.


UB: Hai un personaggio particolare, qualcuno che ti piace di più interpretare?

OM: Mi piacciono i calciatori classici soprattutto Maradona, Valderama e Gullit. E da adesso mi piace disegnare Messi, Haaland e Klopp.


UB: Cosa funziona meglio per la tua community, quando rappresenti il ​​calcio dei vecchi tempi o il calcio moderno?

OM: La maggior parte dei miei follower ha 24-30 anni. Si godono al meglio gli anni 2010, in particolare la rivalità Messi/Ronaldo. Quando disegno i miei calciatori preferiti come Baggio, Gullit, Maradona o giù di lì non interagiscono allo stesso modo quando disegno i calciatori attuali.


È triste per me, ma lo capisco perfettamente.


UB: Come viene visto il calcio europeo in Giordania?

OM: In Giordania la maggior parte delle persone si diverte a guardare il Real Madrid, il Barcellona e la Premier League. Pochi la Serie A e la Bundesliga. Il calcio è lo sport numero uno in Giordania.


UB: La tua squadra preferita?

OM: AC Milan dal 1990. E siccome ho guardato la Serie A da quando ero ragazzino, ho simpatia per i club italiani in Europa.


UB: Hai collaborato con molti brand importanti, questo è uno stimolo molto importante per un artista, la mia domanda è quando cercano la tua arte e le tue idee, cosa si aspettano da te?

OM: Cercano contenuti che portino numeri e impegni.



UB: Diventando un artista in Medio Oriente, hai avuto difficoltà a sperimentare ciò che ti piace fare? Hai avuto a che fare con una cultura dell'ostruzionismo?

OM: Il Medio Oriente in generale non è liberale o democratico, le persone ei governi non accettano critiche e opinioni diverse.


Ecco perché ho scelto un argomento che non è correlato a loro e la maggior parte dei miei clienti proviene dall'Europa e dagli Stati Uniti, grazie a Internet ho ottenuto ciò che ho ottenuto.




UB: Quando non disegni cosa ti piace fare?

OM: Mi piace leggere. Mi piacciono la filosofia, la storia, l'arte ei fumetti. Oppure mi piace ascoltare musica rock classica.




》Omar Momani

Instagram: Omar Momani (@omarmomani)

Sito: Omar Momani cartoons


Twitter: Omar Momani (@omomani)

Facebook: Omar Momani | Amman

TikTok: www.tiktok.com/@omarmomani

 

Ula Bianca - A dream that creates the brand. Connettiamo le persone al mondo digitale e diamo potere all'identità creativa!

bottom of page