top of page

Rita Arnaus, la danzatrice del vento

La vicecampionessa mondiale di Kitesurf racconta l'amore e l'energia per questo sport estremo.



Il Kitesurf nasce intorno alla metà degli anni 80, ma arriva alla ribalta mondiale verso la fine degli anni 90, tant'è che oggi, possiamo trovare campionati mondiali, scuole ed eventi, in ogni angolo del pianeta. Oggi la Global Kitesports Association divide le gare in quattro categorie, kite-surf, freestyle, parkstyle e racing.



Sport spettacolare che necessita solamente del vento e del mare, e che attraverso una tavola da surf, un aquilone ed una barra di controllo, consente agli atleti di fare straordinarie acrobazie sospesi nell'aria.

Rita Arnaus, giovanissima atleta spagnola, ci spiega cosa significa per lei il Kitesurf.


ULA BIANCA: che età hai iniziato a fare kitesurf?

RITA ARNAUS: Ho iniziato a fare kite all'età di 16 anni, ma già a 10 anni ho iniziato con gli sport marini, la vela leggera e il windsurf.




UB: Perché hai scelto uno sport così non convenzionale ed estremo?

RA: È stato l'aquilone a scegliere me! Non avevo altra scelta che seguire il mio istinto e la passione per questo sport.



UB: Cosa significa questo sport per te?

RA: Kitesurf significa felicità, adrenalina, superamento. Lo sport che mi ha cambiato la vita.


UB: Che connessione interna hai con quello che fai?

RA: Mi sento come se avessi trovato ciò che mi rende davvero felice, mi stimola dentro. Tutto il bene e il male che mi accade con questo sport mi forma e mi rende la persona che sono oggi.



UB: Cosa provi quando sei in acqua a fare tutte quelle evoluzioni?

RA: Sento che con l'aquilone posso esprimermi, che ho il controllo di poter volare nell'aria e danzare con il vento.



UB: Hai vinto così tanti premi, come fai a essere sempre così competitivo?

RA: Credo che si sia competitivi con se stessi. La voglia di eccellere e di fare meglio c'è sempre, ancora di più quando hai dei buoni risultati, quella sensazione è incredibile, vuoi sempre di più.


UB: Qual è la tua giornata tipo?

RA: La mia giornata tipo inizia ringraziando per un altro giorno, facendo una buona colazione mentre controllo e-mail e messaggi e guardando le previsioni del vento. Allora vado a fare un buon allenamento in palestra e se c'è il wind kite. Nel pomeriggio con gli amici, stare il più possibile all'aria aperta ascoltando la mia musica preferita.



UB: Qual è il tuo rapporto con i social network e la tua community?

RA: Beh, mi piace la vicinanza che ho con i social network e la mia community di follower, cerco sempre di leggere i messaggi e rispondere il più possibile. Mi piace avere l'opportunità di condividere la vita che ho tanto sognato e poter aiutare con la mia esperienza, dando consigli.



UB: Come sta cambiando questo sport? soprattutto per le donne

RA: Senza dubbio sta crescendo molto, sempre più donne osano con questo sport dominato principalmente dagli uomini. Mi riempie di gioia trovare più donne in ogni kite spot in cui vado. Ci sono anche molti marchi, che da anni adattano l'attrezzatura da kite per le donne e questo le fa anche sentire più a loro agio e le fa osare a provare lo sport.




UB: Cosa ti piace fare quando non ti alleni?

RA: Mi piace visualizzare i miei progetti, lavorare al computer e sui social network. Ascolto anche musica e leggo. E ovviamente viaggiare e incontrare nuovi posti e nuove persone.



UB: Questo lavoro ti porta a viaggiare molto, qual è il posto più bello dove hai gareggiato?

RA: Wow! Sono tutti così belli! I miei preferiti sono in Brasile, la parte NE dove ci sono chilometri di spiaggia per il kite. Un posto dove vado ogni anno, lo adoro per le persone, il clima, i paesaggi e gli alisei. Un altro dei miei preferiti è il Venezuela, nell'arcipelago di Los Roques, noto per le sue acque cristalline.




UB: Se domani volessi avvicinarmi a questo sport cosa mi diresti?

RA: Consiglio di iniziare in una buona scuola di kite con insegnanti certificati. Vai con un compagno per condividere questa incredibile avventura di apprendimento e non dimenticare di divertirti e goderti ogni momento!



UB: Hai avuto un infortunio grave ultimamente, come sta andando il percorso riabilitativo?

RA: Esatto, ho strappato il mio legamento crociato anteriore e la mia vita è davvero cambiata da allora.


Questo infortunio ha un processo di recupero molto lungo, ci sono molti alti e bassi e finora c'è stato molto dolore, il che è mentalmente estenuante, ma continuo a lavorare e non mi scoraggio.


Accettando ciò che è, sono pronta a tornare più forte!







》Rita Arnaus


Instagram: ritaarnaus

Twitter: Ritaarnaus

Youtube: RitaArnaus

LinkedIn: Rita Arnaus

TikTok: Ritaarnaus

bottom of page