top of page

IL SANTUARIO DEGLI ANIMALI

L'associazione australiana che ha come obbiettivo quello di fornire una vita dignitosa agli animali senza una casa o maltrattati


Gli animali, specialmente quelli d'allevamento intensivo sono sempre più soggetti a maltrattamenti, condizioni esistenziali atroci e mutilazioni di vario genere.


Ad esempio i polli sono la specie animale più maltrattata del pianeta, vivono in spazi sporchissimi e minuscoli, spesso convivono accanto ad altri simili morti, oppure presentano problemi di muscolatura a causa del loro peso gonfiato geneticamente, si parla di numeri esagerati, vengono macellati circa 73 miliardi di polli all'anno, e una buona percentuale di loro che non arriva nemmeno al macello a causa delle condizioni di vita pessime.


Questa crudeltà colpisce anche mucche, galline, maiali, pecore, conigli ed altri animali d'allevamento.


Nel 2003 in Australia, nasce, da un'idea di Pam Ahern, un santuario (EDGAR'S MISSION) a difesa e tutela di questi animali cosi tanto maltrattati e invisibili, accendendo i riflettori su un problema molto serio.



Pam, con la sue campagne di sensibilizzazione e mostrando al mondo che ogni animale è un individuo speciale, ci spiega con questa intervista, l'unica necessità per questi esseri viventi, quella di vivere felici e in buona salute.


ULA BIANCA: La Missione di Edgar: cos'è?

PAM AHERN: Un paradiso senza scopo di lucro per gli animali da allevamento salvati, situato su 153 acri pacifici nelle splendide Macedon Ranges, a Victoria.


ULA BIANCA: Come è stato creato?

PAM AHERN: Una ragazza, un maiale e un sogno. Io sono quella ragazza, Edgar Alan Pig è quel maiale, e il nostro sogno è un mondo più gentile per tutti.


Nel 2003, avevamo bisogno di un maialino per un servizio fotografico con un giornalista, per evidenziare la situazione dei maiali, e le nostre imperfette leggi sulla protezione degli animali, che consentono tanta crudeltà e morte ai maiali gentili proprio come il caro Edgar.



Questo succede attraverso i codici di condotta ,che eludono le nostre attuali leggi sulla protezione degli animali, (in Australia tali leggi sono denominate leggi sulla prevenzione della crudeltà verso gli animali) e anche il pensiero etico. La maggior parte delle persone vuole essere gentile con gli animali, ma la maggior parte non si rende conto che molte delle loro scelte e azioni non lo sono affatto.



ULA BIANCA: Qual è il tuo obiettivo?

PAM AHERN: Incoraggiare le persone a pensare e allineare i loro cuori gentili, desiderando un mondo non violento con le loro azioni.



ULA BIANCA: Come vivono e quanti sono gli animali nel tuo santuario?

PAM AHERN: Oggi 394 (ma questa cifra ha raggiunto ben 570). Abbiamo un programma di reinserimento attivo, che ci consente di rimanere sostenibili. Ricollocare gli animali è possibile, tuttavia, sia per mancanza di una casa adatta, sia per problemi di salute, rimangono a vivere i loro giorni alla missione di Edgar.


ULA BIANCA: Come si può realizzare questo progetto? Hai molte persone che ti aiutano? PAM AHERN: Oh sì, mentre all'inizio ero molto impegnato, poi ho assunto un volontario, e da lì è letteralmente cresciuto e cresciuto. Un po' come lo stesso Edgar Alan! Oggi abbiamo 22 dipendenti a tempo pieno, un appaltatore e circa 50 volontari.


ULA BIANCA: Ci sono altri centri simili al tuo in Australia?

PAM AHERN: Quando è iniziata la missione di Edgar, non c'erano altri santuari per animali da allevamento che io conoscessi, tuttavia c'era un piccolo santuario nel NSW ( Nuovo Galles del Sud) che accoglieva uccelli. Oggi ci sono santuari per animali da allevamento in ogni stato dell'Australia, penso che sarebbe giusto dire che molti di questi sono stati ispirati dalla Missione di Edgar.


ULA BIANCA: Che interesse vedi da parte delle persone per quello che fai? Ci sono molte richieste per visitare il tuo centro?

PAM AHERN: Vediamo così tanto interesse per il lavoro che svolgiamo, persone appassionate di giustizia per gli animali, curiosi amanti degli animali, gente del posto e tanti alla ricerca di opportunità turistiche, ma anche gruppi di comunità interessati a una giornata di scuola e strutture educative che desiderano ampliare la conoscenza e compassione.


ULA BIANCA: Ci sono degli eventi che organizzi per coinvolgere sempre più persone?

PAM AHERN: Abbiamo un paio di giorni di apertura al santuario e tour regolari nella maggior parte dei fine settimana e in alcuni giorni feriali, oltre a partecipare a eventi della comunità a scopo di sensibilizzazione (distribuendo volantini e parlando al pubblico del nostro lavoro)


ULA BIANCA: Quali sono le cose di questo progetto che ti danno più soddisfazione?

PAM AHERN: Trasformazioni, o animali che ricevono gentilezza e salute per la prima volta, o persone che si connettono con la loro intrinseca bontà, se ne vanno determinate a rendere il mondo un posto più gentile.


ULA BIANCA: Come immagini la Missione di Edgar in futuro?

PAM AHERN: Idealmente, mi piacerebbe un mondo in cui non siano necessari santuari per animali salvati e precedentemente allevati, tuttavia fino ad allora continueremo il nostro lavoro ed espanderemo la nostra capacità.



ULA BIANCA: Ogni animale ha la sua storia, ce n'è uno a cui sei legata particolarmente?

PAM AHERN: Ogni singolo animale ha una storia incredibile da raccontare, le persone spesso mi chiedono chi è il mio preferito, la mia risposta è veloce - chiunque a cui io sia accanto.


Una cosa che accomuna davvero ogni storia è la gentilezza, qualcuno ha visto un animale in difficoltà o ha imparato della loro situazione e ha riconosciuto che le loro scelte successive, ne avrebbe determinato la sorte. Per fortuna scelgono la gentilezza.


Mi viene in mente una storia speciale di quest'anno, del salvataggio di 602 polli Silkie da un allevamento di carne. La loro è una storia di strazio e speranza, la condividerò con voi ora.



L'ultimo gallo...


Intorno alle 16:40 dell'11 gennaio 2023, la speranza ha incontrato la realtà della nostra promessa, quando l'ultimo gallo Silkie è stato rimosso dalla minuscola prigione di filo metallico che era stata la sua casa per chissà quanto tempo.


Nonostante non si conosca la durata di quell'incarcerazione, sappiamo che è stato un inferno sulla terra per lui e per altre 601 anime gentili.


E mentre la porta veniva chiusa a manovella su quel capanno della disperazione e gabbie su gabbie di galli altrettanto fortunati venivano collocate nella nostra ariosa cassa. L'operazione Mini si stava avvicinando alla sua gioiosa conclusione.



Atterrando alla Missione di Edgar tre ore e più tardi, i polli, per la prima volta nella loro vita piumata, sentirono la libertà.


E li ha confusi.


E così anche la nostra gentilezza.


Il retroscena.


Alla fine della scorsa settimana siamo stati allertati della difficile situazione di centinaia e centinaia di polli Silkie allevati commercialmente, il cui terribile destino è appena peggiorato a causa del loro abbandono, delle scorte di cibo in rapido esaurimento e di un ordine imminente per la loro morte.


Nati per la presunta delicatezza rappresentata dalla loro carne e ossa nere e per i loro presunti benefici per la salute sugli esseri umani, questi uccelli dolci e gentili furono condannati a vite di abietta miseria.


E morti raccapriccianti.


Ingabbiate com'erano, proprio come galline in batteria, in gabbie metalliche poco accoglienti e antiquate, che ostacolavano ogni tentativo di un'esistenza significativa per un animale che chiede così poco alla vita.



Mentre le galline hanno trovato facilmente casa grazie a una persona del posto incredibilmente gentile, non è stato così per i galli.


Ed è qui che è iniziata la più ambiziosa delle nostre missioni di salvataggio: "Operazione Mini".


Anche se a dire il vero, quando la missione è iniziata e la nostra squadra di soccorso ha srotolato i cancelli del santuario quel primo giorno, nemmeno noi pensavamo che sarebbe stato possibile un salvataggio completo di così tanti galli.


Poi li abbiamo incontrati.


E deciso che sarebbe stato così.


Confusi e disorientati in quel capanno caldo e puzzolente, quei ragazzi gentili ci guardavano. Percependoci come un'altra minaccia inviata per tormentarli.


L'aria era densa di disperazione e peli, quanto al pavimento era disseminato di corpi, per i cui il nostro aiuto era arrivato troppo tardi.


Ed escrementi, tanti escrementi. In alcuni punti il ​​pavimento brulicava di larve e scarafaggi, che facevano del loro meglio per liberare il capannone dai rifiuti.


Uno sguardo intorno ha confermato clamorosamente che avevano davvero il loro bel da fare.


E anche noi.


Sebbene le nostre orecchie all'inizio avessero faticato a comprendere i numeri, il colpo più profondo colpì i nostri occhi e i nostri cuori, quando si resero conto della circostanza di quegli sfortunati uccelli, che non meritavano nulla di ciò che era stato loro inflitto.


Ancora un altro colpo inferto ogni sera quando prendevamo l'ultimo uccello dalla sua gabbia per la giornata, sapendo che non avremmo potuto accogliere più anime in quel viaggio.


Ci siamo ripromessi di tornare.


E siamo tornati. Giorno dopo giorno, caldo e puzzolente.


Fino all'ultimo.


I giorni più caldi mai visti. Anche il più lungo dei giorni, che ci vedrebbe offrire la salvezza per raddoppiare il numero di uccelli che avevamo in qualsiasi visita precedente. Per questa volta, eravamo venuti preparati.


O così pensavamo.


Perché è stato il giorno in cui quasi tutto è andato storto, il nostro veicolo 4WD acquistato di recente, con appena 2000 km sul contachilometri, lasciandoci a piedi, a soli 18 km prima del capannone, che ci ha visti chiamare un'anima gentile per traghettare la cassa di scorte e il nostro team per quegli ultimi chilometri e a dover chiamare un altro membro del team per fare il lungo viaggio per riportarci al santuario, un nostro membro del team allora in eccesso che ha perso il treno per tornare a casa, dovendo prendere in prestito un veicolo.


Questi sono solo alcune delle tante avversità che abbiamo dovuto affrontare in un giorno in cui saremmo stati comunque perdonati se avessimo fatto marcia indietro.


Eppure mai, nemmeno una volta, nessun membro del nostro fantastico team ha accennato a questo.


E così quelle ore calde, sudate e piene di fango passarono, e le mani e i cuori iniziarono a stancarsi, mentre il gallo dal bellissimo, soffice (e in molti casi emaciato) veniva liberato da quelle gabbie che confidiamo possano essere schiacciate per sempre, fino a quando finalmente siamo arrivati ​​all'ultimo.


Oh, come avevamo sognato quel momento.


Un momento che sarà scolpito per sempre nel tempo, nei nostri cuori e nel vero significato della gentilezza.


Minnesota, come veniva chiamato. L'ultimo gallo è stato tolto dalla sua gabbia e non posto in un trasportino per essere traghettato a casa, ma, come simbolo di ciò che doveva venire, è stato dolcemente cullato tra braccia amorevoli, gli è stato detto quanto fosse meraviglioso e prezioso, che non sarebbe mai stato dimenticato e di come fu portato fuori dal capannone con un inebriante miscuglio di trionfo e stanchezza.


L'ultimo gallo stava tornando a casa.


Nota a piè di pagina a questa storia: se sei stato commosso dal racconto del Minnesota, per favore ricordalo. Che dietro ogni gallina, ovunque possa svolazzare, c'era un gallo. Un essere senziente il cui genere ha segnato il suo destino, e raramente è buono.



》Edgar's Mission

Instagram: Edgarsmission

Facebook: Edgar's Mission


 

Ula Bianca - A dream that creates the brand. Connettiamo le persone al mondo digitale e diamo potere all'identità creativa!

Comments


bottom of page